Le Nostre Sedi e Distaccamenti

Palermo e Provincia :


Palermo centro 2 Cortile Meli 37

Palermo (noce) Via Pietro  Colletta 75

Monreale Via Pezzingoli 197

San Giuseppe Jato Via Falde 59

San Cipirello Contrada Piano Piraino snc

Giardinello Via Leonardo da Vinci 3


La Valle Dello Jato
La Valle Dello Jato

In Continuo incremento di iscritti e nuove sedi Il Comando Provinciale di Palermo Vanta più di 80 Iscritti dislogati nelle varie sedi 

Escursione nella natura e nella storia


il sito si presta per escursioni in natura 
 

La Chiesa della Madonna della Provvidenza


nei pressi dell'ex feudo Dammusi, vicino San Giuseppe Jato, sorge una piccola chiesetta dedicata alla Madonna della Provvidenza che custodisce il prezioso quadro in ardesia della Madonna. 

Maria SS. della Provvidenza in Dammusi - Santuari Italiani
Maria SS. della Provvidenza in Dammusi - Santuari Italiani

21 luglio 1784 da Onofrio Zorba, un contadino di Borgetto che dormiva sull'aia per la trebbiatura del grano: in sogno gli apparve la Beata Vergine che gli indicava un posto poco distante, dove, scavando avrebbe trovato una sua immagine. Svegliatosi, Onofrio con i suoi compagni di lavoro, scavarono delicatamente nel posto indicato e vi trovarono il quadro che riproduceva l'effige della Madonna seduta su un trono come Regina, con il Figlio sulle ginocchia che tiene sulla mano destra lo scettro e in quella sinistra la croce, mentre Ella stessa con la sinistra stringe il globo; il tutto in uno sfondo di angeli molto belli. Pare che il quadro fosse stato nascosto in quel luogo dai Gesuiti che vivevano in quelle terre prima di essere soppresso l'ordine Religioso. Appena trovato il quadro, la notizia giunse subito in paese che si mosse in processione con devozione. Il primo pensiero fu quello di trasferire il quadro in paese e fu messo su dei buoi che dopo un tratto di strada, prima di imboccare il sentiero che portava al paese, si rifiutarono di proseguire; il gesto fu interpretato come volontà della Madonna di volere rimanere in quel santo luogo e perciò, per iniziativa del signor Lucido Nicolò e per concessione del principe Giuseppe Beccadelli di Camporeale, si iniziò la costruzione di questa chiesetta. Da quel momento la devozione della Madonna della Provvidenza andò sempre più radicandosi nel cuore dei fedeli che numerosi giungono per invocarla con fiducia e gratitudine.

Fu costruita pure una chiesetta (eretta anch'essa a santuario) sul luogo del ritrovamento del quadro che tuttora è meta di pellegrini e devoti, che si recano lì il 21 luglio di ogni anno, giorno dell'anniversario del ritrovamento: partendo dalla chiesa della Provvidenza, i fedeli si recano in processione con il quadro nella chiesetta di campagna dove per tutto il giorno si celebrano le ss. messe e poi nel pomeriggio il quadro viene riportato nel santuario vicino il paese.